Chiesa e Battistero dei santi Giovanni e reparata

Piazza Napoleone Lucca
Luglio 9, 2018
La Basilica di San Frediano Lucca
Luglio 9, 2018

Chiesa e Battistero dei Santi Giovanni e Reparata

Resti di luoghi di culto del passato all’interno dell’antica cattedrale di Lucca
Map for 43.83762,10.495061
Lucca

TripAdvisor Chiesa e Battistero di San Giovanni e Santa Reparata 244 recensioni
La chiesa dei Santi Giovanni e Reparata con l’adiacente Battistero, fu edificata nel IV secolo come cattedrale della città di Lucca, mantendo tale dignità fino all’VIII secolo. Fu rinnovata varie volte e si presenta oggi nell’impianto romanico, di cui rimane anche il portale della facciata, con i profondi rimaneggiamenti seicenteschi.
All’interno le tre navate sono divise da colonne con capitelli compositi, molti dei quali sono reimpieghi di età romana. Il campanile, costruito in gran parte in muratura di laterizio e pietre, sorge all’incrocio tra il transetto e le navate.

Se la fine del Trecento vide l’innalzamento del Battistero con cupola ogivale, la trasformazione più significativa dell’edificio risale al XVI secolo: vennero infatti sostituite le aperture laterali medievali con fonti d’illuminazione moderne, fu rialzata la facciata e si costruì un soffitto a cassettoni.
Di epoca tardo-seicentesca è invece la cappella barocca dedicata a Sant’Ignazio, posta sul fianco settentrionale dell’edificio. Tra il 1840 e il 1870 la chiesa divenne mausoleo delle glorie locali, ospitando tombe di personaggi illustri e lapidi commemorative.

L’edificio è stato aperto come museo per consentire la visita delle stratificazioni storiche, con resti di diversi edifici che vanno I secolo a.C. al XII secolo d.C., riportati alla luce da una campagna di scavo iniziata nel 1969. Si segnalano i resti di una domus romana del I secolo a.C., di terme del I-II secolo d.C, della chiesa e del battistero paleocristiani, di sepolture di epoca longobarda, di resti del battistero altomedievale e della cripta carolingia, oltre al fonte battesimale decorato da tarsie di marmi colorati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *