Casa Esagono

Vittorio Giorgini
Settembre 21, 2020
Brunello di Montalcino
Settembre 22, 2020
Un’architettura ecosostenibile nel Golfo di Baratti

Quando si dice Destino.
Tutto nasce da un caso, da un incontro inaspettato, quando una notte i due amici Alessandro Olsckhi e Vittorio Giorgini si ritrovano in barca in mare aperto, lungo le coste di Marina di Cecina. Il tempo non è dalla loro parte e una tempesta li impedisce di rientrare in porto; cercano un riparo dove passare la notte e gettano l’ancora nel Golfo di Baratti ignari che quel incantevole insenatura, con l’acropoli di Populonia alle spalle, avrebbe cambiato la loro vita per sempre.

Ed è qui che il caso decide di intervenire con prepotenza: il padre Giovanni Battista Giorgini è da pochi giorni il proprietario di alcuni terreni proprio a Baratti, destino? Così nasce Casa Esagono nel 1957, dalla volontà di mettere in stretta comunicazione Vittorio Giorgini ad una terra speciale, che guarda caso, parla di legami e affetti. In una natura incontaminata, tra dune di sabbia a granelli grossi e alberi di pino secolari, Casa Esagono, progettata e costruita dallo stesso Vittorio Giorgini, è il teatro di vacanze estive che ogni bambino sognerebbe: la struttura a sei spazi esagonali incastrati che ricordano la struttura di un alveare è sostenuta da sei pilastri di legno, un ripiano in cemento armato fa da base principale a tutta l’abitazione. Tutto in legno di pino, in mogano per gli incastri degli spazi abitativi; una casa originale che ha come unico obiettivo il rispetto per l’ambiente e le sue risorse. Con la scomparsa di Giorgini nel 2010 l’eredità viene custodita da B.A.Co. (Baratti Architettura e Arte Contemporanea) che finalmente ha aperto Casa fonte https://www.villegiardini.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *