Sua Maestà il Silenzio

Il Fascino del Cerchio
Ottobre 6, 2020
Ad Ovest di Paperino
Ottobre 7, 2020
A Lajatico, a pochi chilometri da Volterra, c’è un borgo che ospita un teatro unico al mondo per la sua forma e per l’evento che si svolge ogni anno a luglio. Il Teatro del Silenzio è un anfiteatro naturale, ideato dalla volontà dell’Architetto Alberto Bartalini e di Andrea Bocelli, progettato per assecondare la spontanea conformazione di una collina nelle vicinanze del borgo.

La geniale intuizione del Teatro del Silenzio deriva da queste semplici riflessioni: accostare la bellezza del paesaggio alla raffinatezza musicale di Andrea Bocelli, che proprio in quei luoghi è nato.L’opera ha il palco nel mezzo di un laghetto artificiale nelle cui acque si rispecchiano le installazioni che variano di anno in anno.

Grandi blocchi di travertino toscano grezzo impilati fanno da fondale al Teatro quasi a ricordare un luogo di culto antico o un megalite del Neolitico.La struttura è composta da un palcoscenico di alcuni metri di raggio al cui centro si compongono scenografie diverse a ogni evento.Per quasi un anno intero questo spazio silenzioso resta immutato nella sua perfetta eufonia, sintesi esemplare del rapporto tra uomo e territorio.Il Teatro si anima poi per pochi giorni con personaggi nazionali e internazionali della musica e della danza.

Le scenografie sono sempre sensazionali e innovative e ospitano opere incantevoli di artisti famosi.La prima e più celebre, divenuta simbolo stesso del Teatro, è stata un’imponente scultura raffigurante un volto umano eseguita dallo scultore polacco Igor Mitoraj.Attualmente è ospitata l’installazione “Gabriel” dello scultore Daniele Basso, una maestosa figura alata di quindici metri d’altezza, le 350 facce d’acciaio specchiante, i 597 spigoli, i 207 metri lineari di saldatura. Al termine dello spettacolo ogni anno, nel massimo rispetto dell’ambiente, il tutto viene rimosso la notte stessa e ripristinato lo stato naturale, tornando ad essere un luogo di silenziosa meditazione, riposo dell’anima, contemplazione, ricordo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *